Stampa

Ordinaria diligenza ed evitabilità del danno

in Pillole di giurisprudenza
posted by: Avv. Fabrizio Spadaro
Creato: 08 Giugno 2016

Con riferimento al contenuto dell'ordinaria diligenza esigibile è stato in più occasioni affermato che l'art. 1227 c.c., comma 2, non si limita a prescrivere al danneggiato un comportamento meramente negativo, consistente nel non aggravare con la propria attività il danno già prodottosi, ma richiede un intervento attivo e positivo, volto non solo a limitare, ma anche ad evitare le conseguenze dannose. La norma che onera il danneggiato ad uniformarsi ad un comportamento attivo ed attento dell'altrui interesse, rientra tra le fonti di integrazione del regolamento contrattuale, per cui la stessa "evitabilità" del danno è coordinata con i principi di correttezza e di buona fede oggettiva, contenuti nell'art. 1175 c.c., applicabile ad entrambe le parti del rapporto obbligatorio e non al solo debitore, nel senso che costituisce onere sia del debitore che del creditore di salvaguardare l'utilità dell'altra parte nei limiti in cui ciò non comporti un'apprezzabile sacrificio a suo carico.

Cassazione civile, sez. II, 31 maggio 2016, n. 11230

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazioneSono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per ottenere maggiori informazioni in merito all’utilizzo dei cookie nel sito e scoprire come disabilitarne l’uso è sufficiente leggere l'informativa estesa e seguire le istruzioni in essa contenute.